TRIM SSD: cos’è e importanza di questo comando

0

Il TRIM in un SSD è un comando ATA (Advanced Technology Attachment) che consente a un sistema operativo di informare un’unità SSD riguardo i blocchi di dati che può cancellare perché non più in uso. L’uso del comando TRIM permette di ottimizzare le prestazioni di scrittura e contribuire attivamente ad aumentare la vita media di un SSD.

Il TRIM, che non è un acronimo, è disponibile per tutti gli SSD che supportano l’interfaccia Serial ATA (SATA).

CORRELATO: Miglior SSD in commercio

Come funziona il comando TRIM

Gli SSD basati su memoria flash di tipo NAND leggono e scrivono i dati in unità note come pagine e in un tipico SSD, 128 pagine costituiscono un singolo blocco di dati. Ma, prima che qualsiasi dato possa essere scritto o programmato sull’unità SSD, è necessario cancellare un intero blocco di dati non più necessario. L’operazione interna nota come garbage collection consente di semplificare il processo.

Il processo di garbage collection gestisce e mantiene lo spazio di archiviazione disponibile, gestendo la disparità tra la dimensione dell’unità di cancellazione (blocco) e la dimensione dell’unità di lettura/scrittura (pagina). Quando un blocco precedentemente scritto è destinato alla cancellazione, le pagine di dati valide vengono raccolte e spostate in un altro blocco dell’SSD in modo che il blocco contenente le vecchie pagine possa essere eliminato.

senza comando TRIM SSD

SSD TRIM è complementare al garbage collection. Il comando TRIM consente al sistema operativo di notificare preventivamente all’SSD quali pagine di dati in un determinato blocco possono essere cancellate, consentendo al controller dell’SSD di gestire in modo più efficiente lo spazio di archiviazione disponibile per i dati. TRIM elimina qualsiasi copia inutile di pagine di dati scartate durante il processo di garbage collection, al fine di risparmiare tempo e migliorare le prestazioni dell’unità SSD.

Il comando TRIM contrassegna semplicemente i dati non più validi e indica all’SSD di ignorarli durante il processo di garbage collection. L’unità a stato solido quindi ha meno pagine da spostare durante il processo, riducendo così il numero totale di cicli di programmazione/cancellazione sul supporto flash NAND e prolungando così la vita dell’SSD.

CORRELATO: Durata SSD, c’è davvero da preoccuparsi?

con comando TRIM SSD

Affinché il TRIM funzioni, il sistema operativo e l’SSD devono supportarlo. Ad esempio, in ambiente Windows, quando un SSD segnala di supportare il comando, il sistema operativo disabiliterà la deframmentazione del disco e abiliterà il TRIM.

Il comando potrebbe riscontrare problemi con i controller RAID hardware, al contrario è meno problematico se utilizzato con RAID basato su software.

Vantaggi dell’utilizzo

L’uso del comando TRIM riduce la quantità di dati che una unità a stato solido deve spostare durante il processo di garbage collection e riduce la quantità di cicli di cancellazione, andando ad aumentare anche la durata dell’SSD. Infine, evitando la copia non necessaria di dati non più validi, le prestazioni di scrittura dell’unità aumentano in velocità.

TRIM SSD o deframmentazione

La deframmentazione di un hard disk e il comando TRIM di un SSD sono operazioni progettate per migliorare le prestazioni dell’unità e migliorare l’efficienza dello storage, ma operano in modi diversi.

Il processo di deframmentazione dell’HDD consente di riorganizzare i frammenti di dati che costituiscono un file; il consolidamento dei blocchi frammentati in un raggruppamento contiguo migliora le prestazioni di lettura riducendo il numero di ricerche che la testina dell’HDD deve eseguire. Anche se il processo di deframmentazione raggruppa lo spazio libero dell’unità in un singolo spazio contiguo, lo spazio libero disponibile non è influenzato.

LEGGI ANCHE: SSD vs HDD

Non avendo teste mobili di lettura/scrittura, gli SSD non hanno bisogno del processo di deframmentazione tradizionale. L’utilizzo del comando TRIM aiuta a ottimizzare la capacità di una memoria consentendo di ignorare i dati non validi o obsoleti. Il risultato finale è una scrittura dei dati più veloce e una riduzione dell’usura dell’unità a stato solido.

Leave A Reply

Your email address will not be published.