Redmi Note 7 Recensione

0

Recensione Redmi Note 7

Note 7 è il primo smartphone presentato dall’ormai indipendente Redmi (dopo essersi distaccata da Xiaomi). Dopo averlo provato a fondo per 4 settimane, quali sono le mie conclusioni? Scopriamo nella recensione completa.

Correlato: Migliori smartphone economici

Offerta

Design e qualità costruttiva

redmi note 7 back cover

Il Redmi Note 7 presenta un design semplice, poco ricercato, ma comunque godibile. Il retro è in vetro Corning Gorilla Glass 5, così come il vetro frontale, mentre il frame laterale che circonda l’intero telefono non è in metallo, ma in policarbonato (anche se al tatto non l’avrei detto).

Bisogna ammetterlo, la back cover in vetro offre dei riflessi veramente belli da vedere, ma, considerando soprattutto l’assenza del supporto alla ricarica wireless, è poco funzionale: si riempie con troppa facilità di impronte e rispetto al policarbonato, pecca in peso e spessore.

redmi note 7 fotocamera sporgente
fotocamera sporgente con cover in dotazione

Sempre sul retro troviamo il classico sensore delle impronte digitali, veloce e ben posizionato, e la doppia fotocamera in alto a sinistra accompagnata dal dual flash LED. E’ bene precisare che anche utilizzando la cover in dotazione, la fotocamera posteriore continua a sporgere, creando “l’effetto scalino”.

redmi note 7 jack cuffie

Questo Note 7 mantiene il jack da 3,5 mm, posizionato nel lato superiore, mentre sul lato inferiore trova spazio la porta USB-C per la ricarica.

redmi note 7 porta type-c

Nonostante il rapporto display/cornici, non perde il LED delle notifiche, il quale trova spazio nella cornice (mento) inferiore. Una soluzione più che riuscita, considerando che è ben visibile quando si accende e scompare completamente da spento.

redmi note 7 led notifiche

Il dispositivo pesa 186 grammi e queste sono le sue dimensioni: 159.2 x 75.2 x 8.1 mm.

Nella confezione:

  • Redmi Note 7
  • Cover in silicone
  • Caricabatterie 5V/2A
  • Cavo USB-A/USB-C

Display

Redmi Note 7 ha un display LCD IPS da 6,3 pollici nel formato 19,5:9 e risoluzione FHD+ (1080 x 2340 pixel), con protezione Corning Gorilla Glass 5. Nella zona superiore c’è l’ormai noto notch a goccia, più “spigoloso” rispetto a quello che visto sul OnePlus 6T.

redmi note 7 display

Nonostante si tratti di un dispositivo economico, si comporta decisamente bene in termini di luminosità (479 nits, ottimo sotto il sole) e di contrasto. Ho trovato la luminosità automatica poco “scattante” e tendente al ribasso.

La differenze con gli smartphone più costosi è invece percettibile se prendiamo in considerazione l’accuratezza dei colori: con impostazioni predefinite vira all’azzurro, mentre con il preset caldo il bilanciamento del bianco non è ancora propriamente accurato.

In ogni caso sono “difetti” pronosticabili e per niente preoccupanti, considerando tipo di display e fascia di prezzo del dispositivo.

Software

Il Redmi Note 7 è arrivato in commercio con Android 9 Pie e MIUI Global 10.2 Stabile al momento della recensione. Come al solito, non c’è il drawer e con lo swiper verso destra troviamo una schermata personalizzabile con collegamenti rapidi, sicurezza, prendi nota ed eventi calendario. Per il resto non cambia niente, così come la non possibilità di avere le icone delle notifiche fisse in alto a sinistra.

Piena compatibilità con Android Auto, con Netflix HD (Widevine L1) mentre parlando di modalità di sblocco, il sensore biometrico ormai è rapidissimo, così come il riconoscimento facciale 2D che, con luminosità alta, funziona anche al buio.

C’è la modalità risparmio energetico, pianificabile, che riduce l’attività delle applicazioni in background, interrompe la sincronizzazione e minimizza le animazioni di sistema; inoltre, è possibile personalizzare le impostazioni del risparmio energetico per le singole app.

Hardware, prestazioni e benchmark

Lo Snapdragon 660 è una CPU ormai molto popolare, l’abbiamo già vista in altri dispositivi e sappiamo cosa aspettarci. Anche su questo smartphone lavora egregiamente, soprattutto con la MIUI 10. Non l’utilizzo non ho mai riscontrati particolari rallentamenti, lag e crash improvvisi. Ormai questi SoC di fascia economica/media garantiscono prestazioni degne, la partita vera si gioca lato software.

In Italia sono arrivate le due configurazioni da 3 o 4 GB di RAM e 32 o 64 GB di storage interno espandibile fino a 256 GB (tramite microSD); poi, continuando con le specifiche, c’è il Bluetooth 5.0, il WiFi Dual Band, il GPS + A-GPS + GLONASS + BeiDou, mentre manca l’NFC.

Fotocamera

Un altro punto di forza di questo Note 7 è il comparto fotografico. Come già accennato, nella parte posteriore troviamo una doppia fotocamera costituita da un sensore principale Samsung ISOCELL Bright GM1 da 48 MP f/1.8 e un sensore secondario di profondità da 5 MP.

In realtà, la modalità di scatto a 48 MP è attivabile solo tramite la modalità Pro, in quanto in automatico le foto escono a 12 MP; questo perchè il Redmi Note 7 sfrutta la tecnologia Super Binning, ovvero 4 pixel vengono interpolati in 1.

redmi note 7 fotocamera posteriore

Ed è nella modalità da 12 MP che si ottengono gli scatti migliori. Nonostante il prezzo economico, ci imbattiamo in fotografie di “altissima qualità” davvero improprie a questa fascia del mercato. Di giorno, le immagini sono nitide, bilanciate, godibili, anche se spesso sovraesposte. Anche gli scatti in notturna sono piacevoli, con poco rumore di fondo e ricchi di dettagli. Tuttavia, la modalità Notte fa davvero la differenza, addolcendo le luci e facendo emergere le ombre. Il risultato è piacevolmente equilibrato.

La modalità ritratto con le fotocamere posteriori scontorna bene, ma la sfocatura è leggera e non è possibile regolarne l’intensità. Con la cam frontale i risultati sono comunque decenti, nonostante l’assenza di un sensore di profondità dedicato.

Redmi Note 7 permette di registrare video in 720p/30fps, 1080p/30fps e 1080p/60fps, anche se lo SD 660 sarebbe in realtà fino al 2160p/30fps. Le registrazioni sono decenti, ma nulla di più. Non manca infine la possibilità di registrare slow-motion in 1080p/720p/120fps, time lapse (4X-1800X) e modificare la codifica del video (H.264 o H.265).

Speaker, chiamate e ricezione

Rimanendo sintetici, speaker mono ma sorprende per il volume che riesce ad offrire; stesso discorso utilizzando delle cuffie/auricolari, anche se all’aumentare del volume si compromette la qualità sonora offerta. In ogni caso molto molto bene.

Lato ricezione ottimo, essendo distribuito ufficialmente in Italia non manca la banda 20 e supporta il 4G+ su ambo le SIM (si può anche disattivare questa funzione). Sottolineo nuovamente che con la microSD si sacrifica il dual SIM. In termini di vivavoce, senza infamia e senza lode.

Autonomia

Eccellente in autonomia, ma non poteva andare diversamente: sotto la scocca ci sono ben 4000 mAh e lo SD 660 si contraddistingue in efficienza energetica. Insomma, non chiudere l’intera giornata è quasi impossibile e coprire le 2 è più che fattibile anche con un utilizzo intenso.

Sebbene supporti la tecnologia Quick Charge 4, in dotazione è incluso un semplice caricato da 5V/2A che permette di ricaricare completamente il dispositivo in poco più di 2 ore.

Prezzo e alternative

Il Redmi Note 7 è disponibile nella variante da 3/32 GB al prezzo (listino) di 179,90€, da 4/64 GB al prezzo di 199,90€, e da 4/128 GB al prezzo di 249,90€, posizionandosi così nella fascia più economica del mercato con un rapporto qualità/prezzo eccellente.

Parlando delle opzioni alternative al Redmi Note 7, nella stessa fascia di prezzo possiamo considerare in primis lo Xiaomi Mi 8 Lite, il quale però offre una autonomia inferiore, non ha il jack per le cuffie e viene sovrastato nel comparto fotografico.

Redmi note 7 alternative

Altro dispositivo del momento è il Samsung Galaxy M20, il quale offre un display superiore, ma prestazioni generali inferiori, così come una resa fotografica non all’altezza del Redmi Note 7, anche se presenta la grandangolare.

Alternativa in casa HUAWEI è il P Smart 2019, il quale però non può essere paragonato in alcun modo al Redmi per quanto riguarda ogni singola caratteristica: display, fotocamera, batteria, prestazioni.

Offerta

Verdetto

Redmi Note 7 ridefinisce lo standard in questa fascia di prezzo, posizionandosi come un dispositivo completo sotto ogni punto di vista. L’unico difetto è l’assenza dell’NFC, ma è difficile rinunciare a tutto questo per una mancanza simile. E non sono stati in pochi a capirlo: ci ho messo vari giorni per rimediarne uno.

Redmi note 7 verdetto

Leave A Reply

Your email address will not be published.