Miglior tastiera gaming: le migliori tastiere da gaming da acquistare nel 2019

0
  • Guida all’acquisto delle migliori tastiere gaming di Giugno 2019

Investire in una buona tastiera gaming è come comprare un buon volante. Non importa quanto incredibile possa essere la tua macchina, è inutile se non puoi guidarla nella maniera giusta. Una tastiera di alta qualità può garantire che ognuno dei tuoi comandi sia eseguito in modo impeccabile e reattivo. In questo articolo, abbiamo classificato le migliori tastiere gaming da acquistare in questo preciso momento.

La selezione della tastiera giusta inizia con la scelta del tipo di switch. Ci sono due categorie principali tra cui scegliere: a membrana o meccanici. Tra i due, gli interruttori meccanici sono quelli preferiti nel mondo dei videogames: sono più resistenti, più veloci e più ergonomici.

Ci sono poi altri fattori decisivi tra cui funzionalità, dimensioni e form factor, che possono variare in base alle proprie necessità. Alcuni utenti necessitato di tasti macro, altri potrebbero volere invece qualcosa di compatto e facilmente trasportabile. In questa guida abbiamo cercato di soddisfare il maggior numero di esigenze.

Migliori tastiere gaming del 2019:

 

1. HyperX Alloy Elite RGB

L’HyperX Alloy Elite RGB sfoggia un’estetica semplice pur conservando la maggior parte delle funzionalità che ci aspettiamo da una tastiera da gaming di fascia alta. È disponibile nelle configurazioni con switch Cherry MX Brown, Blue e Red. Manca invece una colonna dedicata alle macro.

È dotata poi di controlli multimediali dedicati, porta USB 2.0 ausiliaria utilizzabile anche per ricaricare uno smartphone o per trasferire file, poggiapolsi removibile e retroilluminazione RGB personalizzabile, più un set extra d’argento per WASD e per i primi quattro tasti numerici. Ovviamente supporta il rollover completo con N-key.

2. Corsair K95 RGB Platinum

La K95 RGB Platinum è una grand tastiera da gaming, ma in termini di funzionalità, ha tutto. Controlli multimediali dedicati e un pass-through USB, una rotella del volume in metallo, illuminazione RGB. Viene fornito anche con un set aggiuntivo di keycaps testurizzati per le chiavi WASD.

Amiamo anche il suo poggiapolsi rimovibile: si attacca magneticamente e presenta due trame a contrasto: un lato liscio e uno ruvido. Non mancano poi anche 6 macro dedicate.

3. Corsair K68 RGB

La Corsair K68 RGB può sembrare una tastiera meccanica relativamente semplice a prima vista, ma è tra le più resistenti in commercio. Inoltre, ogni interruttore è circondato da una diga di gomma per tenere fuori i liquidi. In caso di grandi quantitativi d’acqua, le dighe formano canali per aiutare a guidare il liquido fuori dal fondo del telaio. Lo strato di gomma aiuta anche a rendere la pulizia più semplice.

La K68 ha poi una lista rispettabile di funzionalità: anche è disponibile solo con switch Cherry MX Red, è dotata di retroilluminazione RGB e controlli multimediali dedicati.

4. Logitech G613

Le tecnologie alla base delle periferiche wireless hanno fatto molta strada e la connettività proprietaria LIGHTSPEED di Logitech è un ottimo esempio. La Logitech G613 si distingue per affidabilità della connessione senza fili. Corrisponde perfettamente alle periferiche cablate in termini di stabilità e reattività.

Vanta una colonna di macro dedicate, controlli multimediali e un comodo e risoluto poggiapolsi. Comprensibilmente, l’illuminazione RGB è stata tagliata fuori per risparmiare batteria. Come tutte le tastiere Logitech di fascia alta, G613 è dotata gli switch proprietari Romer-G. La sua natura mite e silenziosa la rende adatta sia per giocare che per la scrittura, anche in ambienti silenziosi.

5. Razer Ornata Chroma

La Razer Ornata Chroma utilizza ciò che Razer chiama uno switch “Mecha-Membrane”. Combina il feedback del click degli interruttori meccanici con il tradizionale sistema a membrana. Quando si preme il tasto, il cursore spinge una foglia metallica elastica contro l’involucro dell’interruttore, producendo un “clic” molto udibile. La foglia di metallo aggiunge anche una resistenza extra per una migliore tattilità. Alla base dell’interruttore c’è un classico switch a membrana, che è quello che effettivamente registra i tuoi click.


Potrebbero interessarti anche le guide all’acquisto correlate:

Leave A Reply

Your email address will not be published.