Come scegliere le cuffie?

Acquistare le cuffie è come comprare una macchina: si tratta di un’esperienza travolgente, caratterizzata da tanta disinformazione e una buona possibilità di essere fregato. Con così tanti modelli in commercio, scegliere le cuffie giuste è come trovare un ago in un pagliaio.

Fortunatamente, noi di DGTalkers.it abbiamo recensito decine di modelli differenti, e ormai sappiamo come distinguere terminali di qualità e terminali mediocri. In questo articolo abbiamo elencato i fattori da considerare in fase d’acquisto, in modo tale da sapere dove andare a pescare. Una volta che avrete le idee più chiare, potreste trovare utili le nostre guide all’acquisto a tema cuffie.

Scegliere il formato giusto

Scegliere il formato delle cuffie è per ovvi motivi il punto d’inizio. Andando nel dettaglio scoprirete che ogni categoria si sposa perfettamente con un certo tipo di utilizzo.

Cuffie over-ear

scegliere cuffie over ear

Le cuffie over-ear coprono completamente le orecchie. Sono sicuramente le più confortevoli, visto che solitamente i padiglioni auricolari e la fascia per la testa sono imbottiti.

Sono sicuramente le meno portatili a causa delle loro dimensioni, ma recuperano in termini di resa sonora: molti modelli trasduttori più grandi e raffinati, che possono offrire la massima esperienza di ascolto. Amiamo questo tipo di cuffie per l’ascolto in casa o su un lungo volo.

Cuffie on-ear

scegliere cuffie on ear

In questo tipo di cuffie, i padiglioni auricolari si poggiano direttamente sopra le orecchie. Anche se di dimensioni variabili, sono più compatte delle cuffie over-ear. Inoltre, molti modelli presentano un design pieghevole, in modo da facilitare il trasporto in borse o apposite custodie.

Quai tutte le on-ear offrono un discreto isolamento acustico e sono ideali per i pendolari poiché sono meno voluminose della loro controparte over-ear, garantendo il perfetto equilibrio tra resa sonora e portabilità.

Auricolari in-ear

scegliere cuffie in ear

Gli auricolari in-ear sono progettati per essere posizionati proprio all’interno del condotto uditivo. La maggior parte di questi modelli sono dotati di inserti dalle differenti dimensioni in modo da poter scegliere quello che meglio si adatta al proprio condotto uditivo. Sono poi le cuffie che offrono i migliori risultati in termini di isolamento acustico passivo.

La loro vestibilità li rende perfetti per godersi la propria musica preferita in situazioni movimentate, come durante un allenamento HIIT. Le dimensioni ridotte rendono questi auricolari i più portatili nel panorama delle cuffie. Sono ideali per lo sport, ma possono risultare scomodi dopo un ascolto prolungato (più di 2 ore).

Auricolari non in-ear

scegliere cuffie non in ear

Gli auricolari non in-ear vengono posizionati sempre nelle orecchie, ma non si inseriscono all’interno del condotto uditivo. E’ bene notare che sono molto meno diffusi dei modelli in-ear, ed è un peccato visto che sono più comodi.

Auricolari true wireless

scegliere cuffie true wireless

Gli auricolari true wireless, quasi sempre in-ear (ma ci sono delle eccezioni come questi Bose), sono dei semplici auricolari totalmente senza fili, anche senza quelli che collegano i due inserti. Vengono quasi sempre in compagnia di una piccola custodia, che fa anche da power bank portatile per gli auricolari stessi. Questi sono l’ideale per lo sport e il pendolarismo.

Design aperto o chiuso?

Andiamo più a fondo nella classificazione delle cuffie. Tutte quelle over-ear rientrano in 2 categorie: aperte o chiuse; ci si riferisce specificamente al design dei padiglioni. Ogni cuffia ha uno o più driver per creare il suono, il lato posteriore può essere chiuso o lasciato aperto per interagire con il mondo esterno.

Ci sono pro e contro, ma i veri appassionati preferiscono investire un pochino di più per acquistare delle cuffie aperte per ottenere una migliore resa sonora, soprattutto in termini di soundstage. Come detto però nel nostro approfondimento, non tutte le situazioni di ascolto si adattano a questo design.

Connessione con o senza fili

Come si devono collegare alla sorgente audio, con o senza fili?

Le cuffie wireless, in particolare la varietà in-ear, offrono una grande libertà di movimento. La maggior parte sfruttano il Bluetooth per la trasmissione, il quale comprime lo spettro audio, il che significa che non si otterrà la stessa resa sonora dei modelli con cavo. Tuttavia, grazie ai nuovi codec senza fili come aptX, è possibile sfruttare nuovi schemi di compressione per avvicinarsi alla qualità delle cuffie con cavo. La durata della batteria è un limite, ma ci sono certamente situazioni in cui le cuffie wireless hanno molto senso.

Specifiche tecniche

Peso, dimensioni, lunghezza del cavo e connessione Bluetooth sono concetti abbastanza facili da capire, ma ci sono un paio di specifiche più tecniche e complesse, ovvero impedenza e sensibilità.

Impedenza

Per spiegare cos’è l’impedenza in modo completo avremmo bisogno di registrare un video di 2 ore. Ma per ora, semplificheremo il concetto parlando solo di cuffie con bassa e alta impedenza.

La maggior parte delle cuffie con bassa impedenza (meno di 50 ohm, per capirci) richiede poca energia per fornire un volume molto alto. Per questo, le cuffie (o auricolari) a bassa impedenza sono l’ideale per essere utilizzate con apparecchiature portatili (deboli), come gli smartphone.

Le cuffie con maggiore impedenza (più di 50 ohm) richiedono più potenza per fornire livelli di volume elevati. Di conseguenza, per essere veicolate richiedono amplificatori più potenti (e meno portatili).

Sensibilità

Poi c’è la sensibilità, che è correlata all’impedenza, ma si tratta di un fattore meno importante.

Essenzialmente, la sensibilità indica quanto forte suonerà un paio di cuffie con un preciso quantitativo di energia erogata. Se la cuffia A ha una sensibilità più alta della cuffia B con 1000 mW (milliwatt) erogati, allora il suono generato dalla cuffia A sarà più forte di quello della cuffia B.

Per darvi un’idea, una sensibilità di 86 dB (decibel) è considerata relativamente bassa, mentre qualsiasi valore superiore ai 110 dB è considerato alto.

Funzionalità extra

Ci sono poi un sacco di extra da considerare. Questa breve panoramica dovrebbe aiutarvi a decidere quali sono i più importanti per le vostre esigenze.

Noise cancelling

scegliere cuffie anc

Le cuffie che sfruttano la tecnologia Active Noise Cancelling (ANC) sono in grado di “ascoltare” i rumori provenienti dal mondo esterno, attraverso degli appositi microfoni, e di cancellarli vi software.

Da notare poi che la maggior parte degli auricolari in-ear è in grado di attutire passivamente i rumori esterni, riducendoli fino a 25-30 dB.

Controlli remoti

scegliere cuffie per i controlli remoti

Tante cuffie wireless (e non) e auricolari presentano dei pulsanti sulla cuffia stessa (o sul cavo). Questi controlli remoti permettono in genere di regolare il volume, gestire la riproduzione musicale (play, pausa, cambio traccia), ma anche rispondere alle chiamate o lanciare l’assistente vocale. Tutto questo senza utilizzare lo smartphone (o qualsiasi altra sorgente).

Microfono

Come per i controlli remoti, alcune cuffie sono dotate di un microfono integrato che consente di rispondere alle chiamate utilizzando le cuffie stesse.

Sensori

Numerosi auricolari, soprattutto Bluetooth e true wireless, integrano dei sensori per le più svariate funzioni. I più diffusi sono quelli per la rilevazione della frequenza cardiaca (come questi Jabra) e quello per bloccare la riproduzione musicale una volto tolto 1 auricolare (o tutti e 2).

Parti di ricambio

Ottime le cuffie che permettono di sostituire alcune componenti. Alcune permettono di staccare e sostituire il cavo da 3,5 mm (se si rompe, non va ricomprata la cuffia), così come i padiglioni auricolari.

Inserti extra

Dal momento che gli auricolari (in-ear e non) si devono adattare alle nostre orecchie, e considerando che noi tutti abbiamo una conformazione differente di queste, consigliamo l’acquisto di modelli che in dotazione presentano inserti e/o alette extra, di differenti misure e materiali.

scegliere cuffie per dotazione

Scegliere le cuffie, la nostra conclusione

Come è possibile capire, così come un paio di scarpe non può essere utilizzato per ogni contesto e piede, delle cuffie non possono adattarsi a ogni tipo di utilizzo e testa.

Siete pronti a cercare nuove cuffie o auricolari da acquistare? Allora potrebbero interessarvi le nostre guide all’acquisto a tema:

ARTICOLI CORRELATI